Dagospia: “Bonucci, la Juve non lo ha ceduto all’Inter per evitare una rivolta popolare”

Il club bianconero ha evitato la cessione di Bonucci all’Inter O me o lui. Massimiliano Allegri non avrebbe dato molta scelta a Marotta e Paratici e così Leonardo Bonucci è stato ceduto. Quando gli hanno comunicato della cessione il giocatore ha preteso di restare a giocare in Italia e le uniche disposte a dare uno stipendio alto al difensore erano Milan e Inter. Dagospia aggiunge: “Per evitare una sollevazione popolare con una clamorosa cessione agli storici rivali nerazzurri, Marotta e Agnelli si sono ritrovati un’unica strada: trattare con Fassone”. Insomma, come ai tempi di Guarin che era quasi passato al club bianconero e si era arrivati ad una rivolta dei tifosi interisti sotto la sede di Corso Vittorio Emanuele, anche stavolta è contato molto il pensiero e la possibile delusione dei tifosi, questa volta bianconeri. Non che mandarlo al Milan non abbia fatto venire mal di pancia sparsi in tutta Italia. Il sito Dagospia ha sottolineato che la cessione del centrale italiano è stata decisa subito dopo la sconfitta nella finale di Cardiff contro il Real Madrid: “Tra il primo e il secondo tempo della partita Bonucci ha perso le staffe: si è scagliato contro Dybala e ne è nato un parapiglia. Si sono immediatamente create due fazioni nello spogliatoio con Mandzukic e (a sorpresa) Barzagli schierati in difesa dell’attaccante argentino. Le successive beghe interne hanno spinto Dani Alves a cambiare squadra e Allegri non ha trovato una soluzione pacifica. Anzi, al momento del rinnovo del suo contratto ha dato l’aut-aut alla Juventus”. L’articolo Dagospia: “Bonucci, la Juve non lo ha ceduto all’Inter per evitare una rivolta popolare” sembra essere il primo su Mondo Inter. Biagio
from Inter Club C’è solo l’Inter Pavia http://ift.tt/2tYfB7O
via IFTTT