Focus – Mancini taccia e chieda scusa ai tifosi

MANCINI TACCIA e chieda scusa ai tifosi Di Fausto G.Longo Mancini dovrebbe quanto meno stare zitto e ringraziare chi lo ha fatto allenare in serie A con la deroga, perché sappiamo che non aveva il patentino. Mancini ringrazi Moratti, il quale, forse innamorato del giocatore si è fidato del Mancini allenatore ma, francamente, in quegli anni, con quella squadra avrebbe vinto anche Oronzo Canà. Mancini si dimentica che se l’Inter ha avuto grandi gap economici è stato anche per i suoi capricci, per le sue richieste spropositate e, soprattutto per tanti giocatori che, si sono poi dimostrati insofferenti al carattere del MANCIO. Icardi su tutti, ma anche OSVALDO, VIERA’ e tutti quelli che hanno lo hanno avuto allenatore, passando per gli Slavi. Sia grato Mancini all’INTER e ai suoi tifosi, ai suoi dirigenti per averlo assecondato salvo poi, scappare a dieci giorni dall’inizio del campionato perché la società non poteva accontentare i suoi capricci. Mancini che ha fallito al CITY: Secondo il Sun il tecnico si sarebbe scagliato contro alcuni dei suoi giocatori (il portiere Hart, Balotelli, Tevez) dopo il ko nel derby di Manchester contro lo United. I giornali: ”Il suo è un mondo di nervi e caos” NOTIZIA DATATA 10 DCIEMBRE 2012 Ed ancora: Le foto del 3 gennaio 2013 immortalarono Roberto Mancini mentre strattonava, infuriato, la pettorina di Mario Balotelli a Carrington, sede del centro sportivo del Manchester City. Tutta colpa di un tackle di troppo sul compagno Scott Sinclair. Fu la fine di un rapporto d’amore e odio, cominciato nel 2007 all’Inter e caratterizzato da mille liti, alcune consumate di nascosto, altre pubbliche, come quella volta nell’estate del 2011 che Mario si esibì in un colpo di tacco durante un’amichevole coi Galaxy e il Mancio lo sostituì dicendogliene di tutti i colori. Prima di quella lite a Carrington, l’allenatore aveva giurato di volergli dare un’altra chance, poi cambiò idea visto che quattro settimane dopo Balo tornò in Italia per vestire la maglia del Milan. Altra lite, altro addio. 6 gennaio 2015: l’Inter pareggia con la Juve capolista, ma durante la partita Osvaldo litiga con Icardi, reo di non avergli passato il pallone. Poi, nello spogliatoio, mette le mani addosso a Mancini. Il tecnico non ha mai voluto commentare (“I panni sporchi si lavano in famiglia”), ma ha sempre considerato “inevitabile” la cessione del giocatore, che andò al Boca Juniors. Se un giocatore si ribella in quel modo, non c’è altro da fare. Ricordiamo anche il litigio con TEVEZ. Con Jovetic , insomma SI è SEMPRE DIMOSTRATA UNA TESTA CALDA che, in mezzo ad altre teste calde ha solo portato caos. Ad oggi lo spogliatoio dell’inter appare ripulito dalle scorie manciniane. Da ricordare anche la lite con la conduttrice Michaela Calcagno. AMALA L’articolo Focus – Mancini taccia e chieda scusa ai tifosi sembra essere il primo su Mondo Inter. Andrea Decorato
from Inter Club C’è solo l’Inter Pavia http://ift.tt/2DlySEY
via IFTTT