Marino: “Champions o perdi Icardi. Suning che ci fa all’Inter?”

Pierpaolo Marino

Il dirigente calcistico Pierpaolo Marino è stato ospite di “Calcio & Mercato” su Rai Sport +. Molto critico il suo giudizio nei confronti di Suning, visto che la proprietà dell’Inter a suo avviso starebbe facendo poco per assicurarsi un posto fra le prime quattro.

GROSSO RISCHIO«Io capisco che il governo cinese non è quello italiano, è un governo molto autoritario e tutti gli industriali si devono allineare, però Suning ha investito nell’Inter quando le cose di governo potevano anche essere previste. Questa campagna acquisti dell’Inter somiglia a voler fare le nozze coi fichi secchi, allarghi la rosa ma se devono giocare in campo perché mancano i giocatori ti accorgi delle magagne e le paghi. Suning che è venuta a fare in Italia se ci sono questi problemi? Ha preso l’Inter, che è un club che avrebbe avuto bisogno di una politica all’altezza del primo Massimo Moratti, quello che investiva su Ronaldo. Se io voglio dare Ramires all’Inter il fair play finanziario è un paravento, che ci vuole a pagare tre quarti d’ingaggio a Ramires lì e poi passarlo all’Inter? Nulla. Era meglio Moratti che ne aveva una di squadra, se i tifosi dell’Inter devono pensare che il Jiangsu Suning è meglio dell’Inter lasciamo perdere. Io Rafinha Alcántara e Lisandro López quattro-cinque anni fa li avrei trattati per il Napoli, ma oggi sono giocatori che hanno bisogno di essere riciclati. L’Inter non ha tempo per sbagliare, se arriva una partita decisiva per arrivare in Champions League e metti un giovane può rispondere 100% o 1%, corri dei rischi che non sono leciti per una proprietà come Suning. Oggi io non capisco perché si giustifichi un comportamento dell’Inter di basso profilo, rispetto a una società che è seguita in pubblico con un bacino d’utenza che molti studiosi dell’audience dicono che i fidelizzati dell’Inter sono ai livelli della Juventus, quindi al massimo in Italia. Mauro Icardi? Se dovesse andare in Champions League il rapporto con l’Inter è fidelizzato, ma se non dovesse andare in Champions League Icardi e i suoi agenti, quindi Wanda Nara, hanno la motivazione che non può restare fuori da quella passerella, quindi potrebbe essere la giustificazione. Ci auguriamo di no, bisognerebbe rifondare tutto, però un giocatore come Icardi se non va in Champions League lo perdi».

Contenuto generato e fornito da Inter-News – Ultime notizie Inter
Tutti i diritti riservati

Leggi la notizia completa qui: Inter-News http://ift.tt/2AWmXdS
via IFTTT http://ift.tt/2xWShsJ visita la nostra pagina fb: http://ift.tt/1VotyWY