Inter 2.0: il Barcellona era il secondo livello di test per il progetto di Spalletti

Spalletti2.jpg

Da Inter-Napoli a Inter-Barcellona. Luciano Spalletti ha un progetto tecnico per la sua squadra e per portarlo avanti sta sfruttando delle tappe. Che funzionano da test. I blaugrana sono stati l’esame europeo.

PROGETTO SPALLETTI – Per Luciano Spalletti il doppio confronto tra Inter e Barcellona aveva una valenza specifica che solo un match contro una big con quel livello di gioco poteva portare. Il tecnico ha inteso la sfida oltre il valore intrinseco, come un’occasione di crescita per la sua squadra. Le sue parole, anche dure, nei due post-partita lo hanno sottolineato in modo chiaro. Ma attenzione: che il tecnico toscano abbia criticato non vuol dire che l’Inter non abbia imparato.

TEST N.1 IN ITALIA – C’è un precedente che aiuta in modo chiaro a capire la situazione. Parliamo di Inter-Napoli 0-0 della scorsa stagione. I nerazzurri arrivavano a quella partita ancora in crisi, con appena il brodino della vittoria sul Benevento. E ha segnato la rinascita della squadra dopo i famosi due mesi di blackout. Spalletti proprio contro i lanciatissimi uomini di Maurizio Sarri aveva chiesto ai suoi una prestazione coraggiosa, fatta di possesso palla portato fin da Samir Handanovic senza paura. Mostrare a tutti di cosa si era capaci. Il risultato venne così così e il tecnico se ne lamentò parecchio, frustando verbalmente i nerazzurri quando tutti, dai tifosi ai media, stavano applaudendo un buon risultato. I semi gettati in quell’occasione sono poi germogliati: il gruppo è cresciuto, ha cambiato pelle e gioco, permettendo all’Inter di arrivare dov’è oggi.

TEST N.2 IN EUROPA – Fatta la tara di competizione e rosa, contro il Barcellona la situazione è stata la stessa. Il Napoli di Sarri rappresentava il top in Serie A per gioco e possesso, una realtà consolidata e consapevole. Serviva mettersi a confronto coi migliori credendo in se stessi per crescere. Il Barcellona è il top in Europa per gioco e possesso, da anni, e il sorteggio dei gironi ha permesso all’Inter, appena tornata in Champions League, di avere un nuovo confronto. Stesso discorso, livello superiore.

INTER 2.0 – Il punto fondamentale del pensiero Spalletti è nella terza domanda della conferenza precedente a Inter-Barcellona. La squadra doveva provare a fare il suo gioco come sempre, senza snaturarsi visto l’avversario. Niente catenaccio, niente accorgimenti unici. Portare avanti la propria idea in un esame duro, per capire davvero cosa migliorare. Per fare nuovi passi avanti in un progetto tecnico sempre più chiaro. Non tutto è andato bene, ma nuovi semi sono stati seminati: sta nascendo l’Inter 2.0. di Spalletti.

Contenuto generato e fornito da Inter-News – Ultime notizie e calciomercato Inter
Inter-news.it © 2018 – Tutti i diritti riservati

Leggi la notizia completa qui: Inter-News https://ift.tt/2Ozd1xK
via IFTTT https://ift.tt/2M7QxTA visita la nostra pagina fb: https://ift.tt/1VotyWY

Annunci