Perisic vacilla nell’Inter? 4-3-3 ad hoc, Spalletti lo stringe a Icardi- GdS

Icardi Perisic Inter-Barcellona

La “Gazzetta dello Sport” ci parla del particolare periodo che sta attraversando Ivan Perisic. Dai numeri, le prestazioni del croato paiono in netto calo rispetto allo scorso anno, ma Luciano Spalletti ha già pensato a come rivitalizzare uno dei suoi giocatori chiave.

UN PERISIC VACILLANTE-Nonostante Luciano Spalletti consideri Ivan Perisic un uomo chiave per la sua Inter, il croato sta attraversando un periodo particolare. Nonostante l’investitura estiva e la sua quasi intoccabile titolarità in questa prima parte del campionato (assieme a giocatori come Samir Handanovic e Matteo Poliatano, ndr), il rendimento del vice-campione del mondo continua a vacillare. Ad oggi, Perisic si “porta a casa” 2 reti e altrettanti assist, ma ancora nessun acuto in Champions League.

NUMERI A CONFRONTO– Confrontando questi numeri con i primi 11 match della scorsa Serie A, il croato ha fatto meglio nei cross effettuati su azione (63 di quest’anno contro i 54 del 2017-18), merito anche di una manovra interista migliorata grazie alla maggiore continuità di Marcelo Brozovic come regista. Ma il resto del bilancio è in rosso. Perisic non segna da due mesi (1 settembre, 0-3 a Bologna) e il conto delle reti è fermo a 2, contro le 4 della passata stagione. Da rilevare un minutaggio inferiore (779‘ contro 990’), gli assist (2 contro 5), i tiri in porta (8 a 12), i tiri complessivi (31 a 37), le occasioni create (19 a 27) e i dribbling riusciti (8 a 11).

QUESTIONE DI TEMPO– Ma prima o poi Perisic tornerà ai suoi livelli. Luciano Spalletti era partito sin dall’inizio con l’idea di avvicinare Perisic alla porta, e aveva cominciato a lavorare su un 3-4-2-1 in cui il croato doveva agire sulla linea di Radja Nainggolan, dietro a Mauro Icardi. L’intenzione era tenerlo più nel vivo del gioco, nelle zone in cui la gara spesso di decide. E il recente passaggio al 4-3-3 può essere anche visto in questa chiave: Perisic più stretto accanto a Icardi, più vicino alla porta e più disponibile al dialogo tra le linee o all’imbucata per il taglio in profondità delle mezzali. Quando la condizione migliorerà, torneranno i gol e le fiammate. E Ivan ritroverà sorriso e leadership tecnica.

Contenuto generato e fornito da Inter-News – Ultime notizie e calciomercato Inter
Inter-news.it © 2018 – Tutti i diritti riservati

Leggi la notizia completa qui: Inter-News https://ift.tt/2JTIOsL
via IFTTT https://ift.tt/2RHNuoc visita la nostra pagina fb: https://ift.tt/1VotyWY

Annunci