Totti dopo Roma-Inter: “VAR, che hai visto? Dal divano era rigore, ma…”

Francesco Totti

Francesco Totti – ex capitano e oggi dirigente della Roma -, intervistato da “Rai Sport” a “La Domenica sportiva” su Rai 2, spiega la posizione della Roma dopo il 2-2 contro l’Inter, quindi dà vita alle polemiche contro la classe arbitrale

POLEMICA DELLA ROMA – In casa Roma prende parola solo Francesco Totti, agitato in seguito al pareggio casalingo contro l’Inter: «Io non sono duro, sto dicendo solo la verità. Non stiamo cercando nessun alibi, non vogliamo nemmeno tornare indietro a quello che è successo l’anno sorso o nelle partite precedenti, commento solo quello che è successo oggi, che è veramente vergognoso: è una cosa evidente e palese. Non dico l’arbitro, perché magari Gianluca Rocchi era coperto e non riusciva a vedere il contatto con il piede di Nicolò Zaniolo, ma Michael Fabbri al VAR? E’ una domanda che mi pongo io e penso si pongano anche tutti gli altri. Io giro la situazione, perché non fare la domanda a Fabbri: “Che hai visto?”. Questo sarebbe da fare. Per me Fabbri non era collegato, è impossibile non aver visto subito un fallo così, lo hanno visto tutti subito anche senza replay!».

TOTTI “SALVA” ROCCHI – Totti punta il dito contro il “varista” Fabbri, giustificando la decisione dell’arbitro: «Non ce l’ho con Rochi che, se si rivede l’azione, si piega per vedere cosa sta succedendo, ma se io sul divano di casa vedo il replay poi come faccio a non dire che è rigore? Non hanno fatto in modo neanche di guardarlo, questa è la spiegazione che si danno tutti! Se Rocchi si piega per vedere l’azione e fischia il fallo a Zaniolo, allora non può fare l’arbitro. Io non ce l’ho con Rocchi, ma se il VAR si basa su Rocchi e lui non vede, il VAR deve chiamare Rocchi. Alla Roma abbiamo deciso che oggi parlavo solo io, non va bene?».

MECCANISMO DEL VAR – La critica mossa da Totti vede come colpevole direttamente la federazione: «Se torniamo a una settimana fa, si fanno riunioni a Coverciano per il VAR e poi succedono queste cose, allora è inutile farle: è tempo perso! O ci danno una soluzione giusta ed esatta oppure non serve a niente. Dobbiamo fare un’altra riunione per cambiare le regole, se dopo le riunioni non si capisce cosa dobbiamo fare è inutile. Se l’arbitro non chiama il rigore e il VAR ha visto, lo deve chiamare lui, perché è troppo palese ed evidente. Cambiamo le regole? Sì, da stasera cambiamo: faccio io l’arbitro (ironizza, ndr)».

Contenuto generato e fornito da Inter-News – Ultime notizie e calciomercato Inter
Inter-news.it © 2018 – Tutti i diritti riservati

Leggi la notizia completa qui: Inter-News https://ift.tt/2RuNAQf
via IFTTT https://ift.tt/2Q5YS0K visita la nostra pagina fb: https://ift.tt/1VotyWY

Annunci