Pioli: «Milan-Inter importante ma non decisiva. Giocheremo per vincere»

Stefano Pioli Milan

Stefano Pioli, nel corso della conferenza stampa alla vigilia di Milan-Inter, presenta la sfida, importantissima in chiave scudetto. Di seguito le sue dichiarazioni

CORDOGLIO – Pioli, ad inizio conferenza, parla della scomparsa di Mauro Bellugi: «Abbiamo appena saputo della tragica notizia della morte di Bellugi, ci teniamo a fare le condoglianze ai suoi familiari».

CRESCITA – Pioli presenta Milan-Inter: «I nostri tifosi sono speciali. Dispiace non giocare in un San Siro colmo dei nostri colori, non ci arrenderemo mai a questa situazione. Ma sono sempre vicini, ci danno sostegno. Ho apprezzato le iniziative del club per coinvolgere i tifosi. Speriamo che possa essere l’ultimo derby senza tifosi. Io ho sempre creduto nel nostro lavoro e nei nostri giocatori. Abbiamo iniziato un percorso che ci sta dando ottimi risultati, domani giochiamo un derby che non si vedeva da tempo. Siamo volenterosi e vogliosi di fare bene questa partita. Differenze rispetto all’andata? Tatticamente siamo preparati, vedremo domani. Le squadre hanno una fisionomia chiara, quello che possiamo dire dei derby precedenti che sono stati sempre equilibrati, con parecchie occasioni da gol. Il nostro obiettivo è giocare una partita di alto livello».

DUELLO – Pioli parla a proposito di Tonali, che domani partirà titolare: «Sandro ha un potenziale enorme, ma rimane un calciatore giovane al primo anno a certi livelli. Sta crescendo bene e sarà forte, sta già dimostrando le capacità. Bisogna saper reggere queste pressioni, lo vedo sereno. Lukaku? Nelle ultime partite non abbiamo alzato il livello di gioco, anche in difesa. Domani dobbiamo essere molto attenti e corti, con i reparti vicini e le distanze giuste. Tra Ibrahimovic e Lukaku tengo tutta la vita Ibra, rispetto per il nove nerazzurro».

RISPETTO – Pioli torna sul faccia a faccia tra Ibrahimovic e Lukaku: «Quello che è successo sarebbe meglio che non fosse stato accaduto. Quella di domani sarà un’altra partita, ci saranno duelli ma anche grande rispetto e sportività. La partita di domani è importante, siamo stati primi in classifica, abbiamo la possibilità di tornarci. Non sarà decisiva, perché mancheranno ancora 15 partite».

TATTICA – Pioli parla del possibile atteggiamento dei nerazzurri: «L’Inter aggredisce alta, ogni tanto ti aspetta, ha tante soluzioni tattiche. Noi dobbiamo essere attenti e scegliere le giocate giuste e le occasioni giuste, perché le squadre qualcosa concedono sempre. Le due ultime sfide non ci hanno tolto convinzioni o certezze costruite attraverso un lungo percorso. In queste due partite ci hanno fatto capire cosa serve per restare a certi livelli. Saremo più forti delle ultime gare. Giocheremo per vincere, sapendo che ci sarà da lavorare e che possiamo mettere in difficoltà il nostro avversario».

CONDIZIONI – Il tecnico rossonero parla di Ibrahimovic e delle condizioni degli infortunati: «Ibra decisivo? Sono partite che vanno vinte con il collettivo che esaltano le doti del singolo. Dobbiamo giocare bene perché abbiamo qualità tecnica e aggressività. Dobbiamo fare bene per mettere in condizione i nostri giocatori di incidere. La testa di tutti i giocatori è solo sul Derby. Tomori? Sta bene, sta giocando bene, per caratteristiche tecniche per lui è più facile contrastare attaccanti come Lautaro Martinez e Sanchez. Mandzukic? Lievissima lesione, mi auguro non sia un assenza lunga, stava lavorando bene. Bennacer? Nessuna ricaduta, spero di averlo tra breve»

OBIETTIVO – Pioli parla delle aspettative dei calciatori rossoneri: «Nell’affrontare questa gara abbiamo bisogno di entusiasmo e di coraggio. Non eravamo soddisfatti delle ultime due prestazioni, metteremo sul campo la voglia di vincere. Noi e l’Inter abbiamo caratteristiche diverse, noi puntiamo ad esaltare le nostre con un gioco più verticale e veloce. Obiettivo? Continuare il percorso iniziato e del quale siamo tutti soddisfatti. Abbiamo il nostro modo di lavorare, siamo contenti di essere la sorpresa del campionato. Alla fine tireremo le somme, sappiamo da dove siamo partiti, sappiamo dove eravamo l’anno scorso. Nessun obiettivo a lungo termine».

DIFESA – Il tecnico rossonero parla delle possibili contromisure da adottare contro Hakimi: «Hakimi? Noi vogliamo comandare il gioco e scenderemo in campo con quest’idea. Ci troveremo di fronte avversari costruiti per vincere ed essere protagonisti anche in Europa. Le individualità ci sono ma noi abbiamo le nostre e ci giocheremo le nostre carte fino in fondo».

APPROCCIO – Differenze di approccio tra Milan ed Inter nel derby: «Sono concentrato, ho anche poca memoria. Sono dentro con così tanta passione che so che noi le stiamo preparando con la determinazione giusta, i tifosi sono fantastici. Dobbiamo portarla sul campo, lo sapremo domani se la nostra è stata la preparazione migliore».

Inter-News – Ultime notizie e calciomercato Inter – Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News) e il link al contenuto originale (Pioli: «Milan-Inter importante ma non decisiva. Giocheremo per vincere»)
© Inter-News.it 2014-2021 – Tutti i diritti riservati

from Inter-News https://ift.tt/2ZFqsnH
via IFTTT