Inter, l’Ats: «Rischio di circolazione di varianti virali più contagiose»

Logo Inter maglia 2020-2021. Immagine da Inter.it

Il motivo principale per cui l’Ats ha sospeso tutte le attività dell’Inter fino al 31 marzo dopo che alcuni giocatori sono stati contagiati dal Covid

COVID – Come riporta “SportMediaset.it”, il motivo principale per cui l’Ats ha sospeso tutte le attività dell’Inter sino al 31 marzo è il seguente. “Elevato rischio di circolazione di varianti virali più contagiose“. Si teme il rischio focolaio, visto già il numero di contagiati, quattro: D’Ambrosio, Handanovic, Vecino e De Vrij. I calciatori nerazzurri verranno sottoposti ripetuti tamponi fino a lunedì, vale a dire fino a quando il periodo di incubazione del Covid sarà concluso. Allora, se i test saranno negativi, il gruppo potrà tornare a lavorare, sempre in isolamento fiduciario.

CONVOCATI – Per quel che concerne le convocazioni in nazionale, i giocatori non potranno rispondere alle rispettive chiamate, ma si dovrà aspettare fino alla prossima settimana.

SERIE A – Sulla ripresa del campionato, vi è tempo prese recuperare i calciatori positivi contro il Bologna, vale a dire per il 4 aprile. Il match contro il Sassuolo potrebbe essere recuperato il 7 o il 14 aprile.

Fonte: SportMediaset.it

Inter-News – Ultime notizie e calciomercato Inter – Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News) e il link al contenuto originale (Inter, l’Ats: «Rischio di circolazione di varianti virali più contagiose»)
© Inter-News.it 2014-2021 – Tutti i diritti riservati

from Inter-News https://ift.tt/3rX8eL7
via IFTTT