Conte: “Molti vedono sempre il bicchiere mezzo vuoto sull’Inter. Gol…”

Conte Inter TV

Conte ha parlato a Inter TV nel corso del post partita di Atalanta-Inter. L’allenatore, nonostante un solo successo nelle ultime otto partite, continua a essere piuttosto ottimista per la stagione iniziata un mese e mezzo fa.

IL COMMENTO DEL TECNICOAntonio Conte giudica quanto fatto in Atalanta-Inter su Inter TV: «L’Atalanta, lo sappiamo, ormai ha acquistato una credibilità importante non solo a livello nazionale ma anche internazionale. Oggi l’Atalanta deve parlare di una partita con un’Inter tosta, sotto tutti i punti di vista. Penso che meritassimo qualcosa in più, abbiamo avuto l’occasione anche per chiudere la partita: sicuramente in questo periodo, da quando abbiamo ripreso, ci sta mancando un po’ l’istinto killer. Sono quelle occasioni dove devi ammazzare, sportivamente parlando, gli avversari: invece le abbiamo e non le sfruttiamo».

AL SOLITO – Conte parla della gestione: «Penso che abbiamo fatto una buonissima partita, sappiamo che l’Atalanta è con noi quella che ha fatto più gol l’anno scorso e abbiamo concesso pochissimo. Adesso c’è da riposare, bene o male abbiamo recuperato tutto. Non dimentichiamo che siamo partiti con sei positivi al virus, due infortunati e altri due positivi al virus che si sono aggiunti. Tanti giocatori hanno giocato più di quello che dovevano fare, però l’importante è recuperare tutti quanti. Speriamo che possano tornare tutti quanti in buone condizioni, anche perché da qui a Natale ci saranno dieci partite ogni tre giorni».

CICLO INTENSO – Conte parla della sosta per le nazionali: «Arriva per tutti nel momento giusto. In queste sette partite in venti giorni ci siamo giocati la Serie A e la Champions League: non sono state competizioni minori, ma partite tirate contro squadre forti. Il mio augurio è che vadano in nazionale e tornino sani, perché ci sarà da affrontare fra metà novembre e dicembre dieci partite ogni tre giorni. Sarà un bell’impegno. Cosa manca? C’è un aspetto che in tanti non stanno considerando: il fatto che siano arrivati giocatori nuovi, più altri reduci da prestiti, e con pochissimo tempo per lavorare».

ASSETTO GIUSTO – Conte è fiducioso: «L’anno scorso, anche qui a Bergamo, ho trovato compattezza. Magari, dal punto di vista estetico, potevamo essere meno belli, però avevamo trovato una quadratura importante nella gestione del risultato. Adesso c’è da lavorare e da adattare le caratteristiche diverse dei tanti calciatori, soprattutto gli esterni e i centrocampisti. Comunque abbiamo tutti centrocampisti che, tranne Roberto Gagliardini, hanno caratteristiche più offensive che difensive. Di esterni sono arrivate due ali, come Achraf Hakimi e Ivan Perisic, poi Matteo Darmian. C’è un po’ da adattare la situazione e trovare il giusto equilibrio. Oggi penso che la squadra ha fatto bene, contro una squadra forte».

SFORTUNA NERA – Conte rifiuta l’idea di un’Inter che non gioca: «Io le ho viste le statistiche, ce le ho tutte. Se uno va a guardare le statistiche nostre vede comunque una squadra che, a livello di fase offensiva e di indice di pericolosità, ce l’ha più alto di tutti. Spesso quello che creiamo non viene tradotto in gol, e a livello difensivo spesso e volentieri quando ci tirano fanno gol. Questo è un dato di fatto, io non ne voglio neanche parlare perché sennò sembra che uno voglia vedere sempre il bicchiere mezzo pieno. Invece vedo che molti vogliano sempre vedere il bicchiere mezzo vuoto, senza contare che quando tirano in porta magari una o due volte fanno gol».

Contenuto generato e fornito da Inter-News – Ultime notizie e calciomercato Inter
Inter-news.it © 2019 – Tutti i diritti riservati

from Inter-News https://ift.tt/2Ie45AD
via IFTTT