Moratti: “Ronaldo? Nike pensò a boutade! Su Suning dico…”

Moratti

Massimo Moratti ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di “Mi-Tomorrow” a 20 anni dalla trattativa che porto Ronaldo dal Barcellona all’Inter: l’ex presidente nerazzurro ricorda i primi tempi del Fenomeno, il suo addio e il suo passaggio al Milan. Per finire, un accenno alle difficoltà di Suning e al futuro nerazzurro

INCONTRO PREMONITORE – «Cosa ricordo della trattativa per Ronaldo? Non è stata una cosa facilissima, ma è scivolata via molto bene. Nessuno pensava che potessi acquistarlo, per cui non ebbi concorrenza. Lui aveva dei problemi con il Barcellona e una volta pagata la clausola doveva decidere solo il giocatore. L’atto finale è stato mentre stavo andando a Padova per lavoro. Mi chiamò Giovanni Branchini e mi disse che si poteva fare. A quel punto ne approfittai per una visita a Sant’Antonio. Come fu il primo incontro con Ronaldo? In realtà lo avevo conosciuto un anno prima, era venuto a Milano assieme alla fidanzata. Stava per andare al Barcellona, mi portò una sua figurina che ho ancora con me. C’era già l’idea che prima o poi potesse venire all’Inter».

RICORDI – «Se a distanza di 20 anni lo ritengo ancora un affare? Assolutamente. Le faccio un esempio: avevo detto alla Nike che se avessi preso Ronaldo mi avrebbero dato una cifra molto diversa per la sponsorizzazione. Loro non ci credevano e quindi mi dissero sì. Pensavano fosse una mia boutade. Quando compri un club lo fai sognando qualcosa di eccezionale, anche a discapito di un’amministrazione perfetta. Rispondi ai tuoi sentimenti verso la squadra. Io tentai subito di prendere Cantona, ce l’avessi fatta avremmo vinto il campionato al primo anno. L’immagine che ho di Ronaldo all’Inter? Il suo primo gol, contro il Bologna. Una dimostrazione di classe, capacità, forza. Fu il biglietto da visita. Senza le vicende del 1998 e del 2002 sarebbe rimasto a Milano? Il primo anno è stato stupendo. Purtroppo la nazionale brasiliana lo spaccò in due nella preparazione ai Mondiali e poi ebbe due gravissimi incidenti. Credo fu soprattutto questo aspetto a contare, questo posto glieli ricordava un po’ troppo. Accolsi il suo addio capendo umanamente la cosa. È un peccato perché se anche solo fosse riuscita la prima operazione tutto sarebbe stato diverso».

FUTURO SUNING – «Se mi aspetto da Suning un colpo alla Ronaldo? Prima o poi magari sì. Quando arriva un grande campione dà entusiasmo, ma adesso serve trovare qualcuno che senta l’appartenenza professionale al club, il dovere di dare il massimo per la squadra. In più, al livello di Ronaldo non è semplicissimo trovarne. Cosa accadde tra me e Ronaldo al momento del passaggio al Milan? In realtà non c’è mai stato un cattivo rapporto ed è sempre stato molto affettuoso con me. Andare al Milan non fu la migliore delle sue scelte, però per il carattere non potevi portargli rancore. La sua libertà faceva parte del personaggio. Le iniziali difficoltà di Suning simili alle mie? Suning ha una potenzialità economica notevole, ma le esperienze bisogna farle. Quella di questa stagione è stata talmente negativa da essere utilissima. Ora è cambiato l’allenatore, ma i giocatori devono dimostrare un carattere che non hanno dimostrato, oppure servono dei punti di riferimento nuovi che trascinino gli altri. Se sono fiducioso per il futuro? Il tifoso è sempre fiducioso e io di Suning ho sempre parlato in termini positivi. È chiaro che tutto dipende dalle scelte e dalla fortuna che hai. Un altro Moratti alla presidenza dell’Inter? Sono cose che non programmi. Per debolezza o passione ci cadi dentro. Lascio ai miei figli la libertà di farlo, ma i costi e l’impegno rendono un mestiere vero e proprio quello di presidente. Serve quel tanto di incoscienza che non mi sento di augurare loro».

Facebooktwittergoogle_plusmail

Contenuto generato e fornito da Inter-News – Ultime notizie Inter

Leggi la notizia completa qui: Inter-News http://ift.tt/2sic59k
via IFTTT http://ift.tt/22c2tGm visita la nostra pagina fb: http://ift.tt/1VotyWY