Vecchi: “Questo Zaniolo non ci serve, meglio altri! Inter lascia Vanheusden…”

Stefano Vecchi

Stefano Vecchi – allenatore dell’Inter Primavera -, intervistato dai microfoni di “Sportitalia” al termine di Torino-Inter, analizza la sconfitta odierna criticando la prestazione di Zaniolo e sottolineando pro e contro della cessione (in prestito) di Vanheusden

DORMITA FINALE DECISIVA – Tonfo esterno per l’Inter Primavera di Stefano Vecchi, che perde contatto con la vetta a causa del 2-1 esterno di oggi: «Tutto sommato è stata un gara in equilibrio: il Torino ha avuto qualche situazione più pericolosa di noi, poi la fase di gioco sembrava abbastanza equilibrata, ma a un certo punto è arrivata la situazione da calcio d’angolo, bravi loro a calciarla ed Enrico Celeghin a colpire, mentre noi ci siamo addormentati e sono cose che si pagano, infatti abbiamo pagato questa situazione».

ZANIOLO SCENDE, COLIDIO SALE – «Siamo più scontenti noi di Nicolò Zaniolo che lui, da cui ci aspettiamo una prestazione diversa, che giochi per la squadra e non da solo: se pensa di risolvere le partita da solo, questo non succede e non le vinciamo, quindi meglio giochi gente che lo fa per la squadra. Se Zaniolo s’intestardisce con la palla tra i piedi e non fa gioco, non ci serve. Se Zaniolo fa bene come fatto finora sì, ma se non lo fa meglio che al suo posto giochi qualche compagno che sta in panchina e lo merita di più perché valido. Quella di Facundo Colidio è stata una prestazione generosa: ha segnato un bellissimo gol, ha dimostrato di avere qualità e grande generosità nel rincorrere e proporsi, sicuramente da parte sua è una prestazione positiva».

DIFESA IN EMERGENZA DA BIG – «Arriviamo a giocare in questo modo da tante gare in cui forse abbiamo subito solo un gol, oggi non è andata bene in difesa, ma ci mancano elementi importanti come Manuel Lombardoni e Marco Sala, poi il nostro classe ’99 titolare Zinho Vanheusden sta giocando nella Serie A belga perché i giocatori forti giustamente li facciamo andare via per accelerare la loro crescita, ma quelli che sono stati in campo sono bravi, anche se oggi la loro non è stata una grande prestazione difensiva».

JUVENTUS PROSSIMA AVVERSARIA – «Come tutte le partite, oggi compresa, anche quella contro la Juventus sarà una partita combattuta, lo abbiamo già visto all’andata: dobbiamo dare di più rispetto a oggi, soprattutto dal punto di vista del collettivo. Non so se riuscirò a recuperare qualcuno e non so come torneranno i nazionali, vedremo se riusciranno a tornare Lombardoni, Sala e Xian Emmers, ma come dimostrato alla Viareggio Cup non mi preoccupo degli assenti: oggi abbiamo visto che i giocatori che devono fare la differenza non la fanno, ma la fa chi ha meno credito e va benissimo così. Dovrò essere io più bravo a scegliere chi mettere in campo…».

Facebooktwittergoogle_plusmail

Contenuto generato e fornito da Inter-News – Ultime notizie Inter
Tutti i diritti riservati

Leggi la notizia completa qui: Inter-News https://ift.tt/2qE18N4
via IFTTT https://ift.tt/2qEpurJ visita la nostra pagina fb: https://ift.tt/1VotyWY

Annunci