Ausilio, appello preciso: via le clausole dai contratti dei giocatori dell’Inter!

ausilio

Con la fine della sessione estiva di mercato e l’inizio vero e proprio della stagione sportiva, in casa Inter è tempo di ridiscutere i contratti di alcuni giocatori chiave della rosa di Luciano Spalletti. La direzione in cui deve proseguire il processo di crescita sportiva ed economica dell’Inter passa anche da uno step ben preciso

NESSUN INCEDIBILE… – Nel corso delle prossime settimane e dei prossimi mesi, Piero Ausilio sarà concentrato sul perfezionamento degli accordi per i nuovi contratti di giocatori importanti della rosa dell’Inter e i casi più imminenti sono soprattutto tre: Mauro Icardi, Marcelo Brozovic e Milan Skriniar. Se il contratto di quest’ultimo è da perfezionare esclusivamente in termini di ingaggio, quello dei primi due prevede anche di affrontare la questione della clausola di risoluzione apposta nel precedente accordo. La sessione estiva appena trascorsa nella speranza che nessun top club estero, in preda a un effetto domino, decidesse di versare entro metà luglio rispettivamente 110 e 50 milioni di euro nelle casse dell’Inter non ha lasciato troppo tranquilli in casa nerazzurra. Nessuno è incedibile, è vero, e non sempre cedere è un male se si ha la capacità di reinvestire quanto incassato secondo i principi fondamentali del cosiddetto player trading, è altrettanto vero però che sarebbe meglio che un aspirante top club eviti di affidarsi alle fluttuazioni di un mercato ormai folle fissando clausole a cifre che oggi sembrano alte e domani non lo sono più.

… MA VIA LE CLAUSOLE – Un calciatore, per quanto importante, può senz’altro essere ceduto se attirato dagli ingaggi di club più ricchi dell’Inter, ma è bene che venga ceduto alla cifra più alta possibile nell’esatto momento in cui viene richiesto o viene presentata per esso un’offerta ufficiale. Non alla cifra che un anno prima sembrava proibitiva e che nel momento attuale ti pone di fronte all’arduo compito di reperire un sostituto a cifre ragionevoli (il cedente infatti proverebbe a spuntare fino all’ultimo centesimo, sapendo quanto si è incassato). Emblematico a riguardo il caso di Brozovic che a gennaio aveva un piede e mezzo sull’aereo per Siviglia e che il giorno della finale Mondiale sembrava potesse valere anche ben più di 50 milioni di euro oltre a essere stato scelto come cardine di metà campo della nuova Inter. Ecco perché l’ideale sarebbe che, oltre a riconoscere i dovuti aumenti di stipendi, il Direttore Sportivo Ausilio provvedesse alla rimozione delle clausole di risoluzione al fine di poter avere il più totale controllo delle sorti sportive ed economiche dell’Inter, senza rischiare di ritrovarsi in delicate situazioni tecniche non programmate.

Contenuto generato e fornito da Inter-News – Ultime notizie e calciomercato Inter
Inter-news.it © 2018 – Tutti i diritti riservati

Leggi la notizia completa qui: Inter-News https://ift.tt/2p6Za7B
via IFTTT https://ift.tt/2MzZoih visita la nostra pagina fb: https://ift.tt/1VotyWY

Annunci