Spalletti: “Vecino, un problema fisico. Inter, penso sia strada giusta”

Spalletti Conferenza Stampa

Luciano Spalletti si è presentato nella sala stampa dell’Allianz Stadium di Torino per la conferenza stampa di Juventus-Inter. Di seguito le risposte del tecnico interista alle domande dei giornalisti sul derby d’Italia che ha aperto la quindicesima giornata di Serie A.

PERSO CON ERRORI«Il primo cambio? Joao Mario è quel giocatore che sa giocare anche lì, l’ho fatto giocare. Non so come voi l’avete vista, però Borja Valero in mezzo al campo mi ha dato la possibilità di palleggiare di più, perché si cominciava a stentare a tenere palla in mezzo, ho fatto quella sostituzione e non so se ho fatto bene o ho fatto male. Secondo me sono mancate quelle letture di quando c’è da finalizzare, troppi errori tecnici banali, troppi palloni persi dove non è possibile perderlo in quel caso li, dove loro sono costretti a fare delle rincorse e spendere dei metri per andare a riprendere palla. Ci siamo giocati tre o quattro palloni da zona mediana a trequarti dove la palla non è arrivata e abbiamo fatto recuperare i giocatori che erano stati saltati, poi non siamo stati fortunati in alcuni episodi, non si riesce a mantenere quel livello di cazzimma sempre costante. Tu abbassi un pochettino e loro sono lì che vivono sul fatto di riuscire a prenderci il vantaggio su quell’episodio dove tu stai a esaminare quello che è successo prima, loro vanno forte e questi cali di concentrazione si pagano cari contro questi avversari. Non so se è un campanello d’allarme o no, noi si va a fare un’analisi sulla partita come sempre e si continua a lavorare sperando di farlo in maniera corretta, però può darsi anche che si debba prendere in esame di cambiare il discorso che stiamo facendo. Per il momento non vedo questo quindi sai continua sulla strada che abbiamo fatto, si rigioca sul calcio di rinvio giocando la palla sui piedi e si va ad attaccare, magari qualche volta in ritardo costandoci sacrifici di metri, portando la squadra nella loro metà campo. Quelle andrebbero lette meglio, però secondo me è la strada giusta, poi in fondo si tirano le somme e si è in condizione di fare tutte le analisi che si vuole, per il momento mi sembra si possa andare avanti sul tipo di ragionamento su come comportarci in campo. Matias Vecino aveva un piccolo indolenzimento sul quadricipite alto e non si poteva far giocare, era a rischio. Non ho pensato a martedì, aveva un problema fisico muscolare. Sta con noi e si può portare in panchina, tanto si va tutti, per cui Vecino non poteva essere utilizzato stasera. C’è da vedere se può recuperare per martedì, ha questo dolorino e il dottore ha detto che lasciandolo fermo recupera, giocando poteva farsi male. Noi avendo Roberto Gagliardini e Joao Mario fuori lista avevo forzatamente da lasciare fuori Borja Valero, per lo stesso discorso di Matteo Politano che può dare l’impulso alla partita, sono giocatori che hanno brillantezza e qualità e quando la perdono va via la sostanza. Stasera, se io devo trovare qualche difetto, trovo l’aver sbagliato qualche gesto tecnico di troppo in situazioni abbastanza facili da portare in fondo, poi qualche disattenzione perché anche quando si è preso gol noi eravamo schierati come linea difensiva. Se gli altri sono più bravi prendono il vantaggio, ma noi eravamo messi bene e non marchiamo a uomo, facciamo zona quindi ognuno va nel suo settore di competenza per avere ordine ed equilibrio, ognuno va a lavorare nel suo spazio. Loro sono stati bravi, hanno questa forza di buttare la palla in area di rigore. Hanno vinto la partita e sono stati più forti di noi, c’è poco da fare».

Contenuto generato e fornito da Inter-News – Ultime notizie e calciomercato Inter
Inter-news.it © 2018 – Tutti i diritti riservati

Leggi la notizia completa qui: Inter-News https://ift.tt/2zOaoUd
via IFTTT https://ift.tt/2OOj4yX visita la nostra pagina fb: https://ift.tt/1VotyWY

Annunci